Virgilio sbarca su Android‎

andro-1.jpgVirgilio, il portale di Telecom Italia, offre nuovi strumenti a coloro che usufruiscono di Internet anche in mobilità: Virgilio Android e la nuova versione di Virgilio iPhone. Virgilio Android è un’applicazione che permetterà la consultazione di una selezione di contenuti del portale anche attraverso cellulari con sistema operativo Android.

 

virga titolo-1.jpgNel frattempo la nuova versione di Virgilio iPhone, renderà ancora più semplice e ricco per tutti i possessori del dispositivo Apple l’accesso ai contenuti e servizi di Virgilio, con lo scopo di confermare il grande successo già raggiunto con la precedente versione. Virgilio iPhone, infatti, è da quattro mesi una delle applicazioni gratuite più scaricate dall’Apple Store italiano. Inoltre l’aggiornamento di Virgilio iPhone permetterà di consultare sul dispositivo di Apple la nuova sezione Città contenente notizie ed eventi per ciascuno degli 8.100 comuni italiani.

Virgilio crede fortemente nel mondo mobile ed è l’unico portale italiano a realizzare con continuità e completezza applicazioni per fornire una selezione accurata dei suoi contenuti e servizi agli utenti in mobilità, offrendo sempre una user experience di altissima qualità. Inoltre, si andranno ad aggiungere, a breve, altre applicazioni, che renderanno disponibile Virgilio anche per i sistemi operativi Symbian e Windows mobile.

Le nuove applicazioni si aggiungono alla possibilità di navigare via browser sul portale mobile di Virgilio che ha già superato i 4 milioni di pagine viste al mese. Entrambe ospitano inoltre messaggi pubblicitari realizzati in uno speciale formato interattivo ottimizzato per la fruizione su dispositivo mobile.

 

Il mondo della tecnologia ed in particolare quello del “mobile Internet” ti affascina e sei sempre alla ricerca di informazioni o di risposte? Su Virgilio Genio trovi le risposte migliori e le persone più esperte per rispondere alle tue domande.


Virgilio sbarca su Android‎ultima modifica: 2009-05-26T16:21:00+00:00da bellefotoblog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento